Che cos’è il Saldo e Stralcio

Saldo e stralcio: cos’è?

Il Saldo e Stralcio è una procedura che consente a chi è debitore di pagare a saldo il proprio debito “togliendone una parte”.

Stralcio, infatti nel diritto commerciale significa proprio questo.

Vedi qui cosa dice a proposito di stralcio ===>Wikipedia alla voce stralcio

In sostanza, consente di pagare un debito in misura inferiore rispetto a quanto richiesto.

Si chiama “saldo e stralcio” proprio perché consente di saldare il debito, anche se con un pagamento parziale.

Di solito, avviene in unica soluzione.

Ma non di rado, è possibile dilazionarlo in più rate. Guarda qui un esempio di ===>stralcio a rate

Naturalmente gli stralci (o riduzioni) più importanti si ottengono pagando in una sola volta.

In alcuni casi è possibile farlo anche se qualcuno ti ha fatto un’azione legale attraverso il tribunale==>Stralcio nonostante Atto di citazione in tribunale

saldo e stralcio

 

A volte il risparmio che si può ottenere è davvero importante.

In alcuni casi, un debito lo si può pagare anche il 50%, il 60%, il 70% e addirittura l’80% in meno.

Ti sembrerà incredibile, ma in casi del tutto eccezionali siamo arrivati al 90% in meno rispetto al debito residuo.

Il residuo debito di 10.021,00 € è stato pagato con un saldo e stralcio di 1.000,00 €, in 4 rate da 250,00€!

Vale a dire che un nostro cliente, con gravissime difficoltà e circostanze davvero particolari, ha potuto chiudere un debito di 10.000,00€ pagandone solo 1.000,00€.

Ribadiamo che si tratta di un Saldo e Stralcio eccezionale e che non esiste alcuna garanzia che ogni caso possa essere considerato uguale o meritevole di un tale sconto.

Naturalmente non sempre è possibile ottenere risultati straordinari, ma ormai abbiamo una considerevole esperienza in merito e la nostra media di Saldo e Stralcio sulle transazioni effettuate, che oramai sono centinaia, è di circa il 65%!

Ecco i documenti

Saldo e stralcio 90% su cessione

Ecco la lettera di cessione che indica il debito originale di 10.021,00 euro

Ed ecco la lettera di accordo con l’importo da versare: 1.000,00 euro in 4 rate!

saldo e stralcio al 90%

Ecco l’evidente riduzione di ben 9.000,00 euro!

Come si può fare?

Ovviamente per raggiungere accordi di questo tipo, devono esistere circostanze davvero eccezionali e le difficoltà del debitore devono essere presentate in maniera corretta e esauriente.

La documentazione deve esssere corredata di tutti i particolari a supporto e va indirizzata al giusto interlocutore.

Infine, devono essere rispettati i tempi concordati.

Quindi è sempre possibile ottenere un Saldo e Stralcio, chiunque sia il creditore?

Occorre sempre ricordare che, sebbene sia un accordo che deve soddisfare debitore e creditore e spesso, rappresenta l’unica alternativa per il creditore di veder soddisfare le proprie pretese, si tratta sempre di una sua concessione e non certo di un diritto del debitore.

Detto in parole povere, anche se la convenienza è palese, non è detto che l’accordo a saldo e stralcio debba per forza essere digerito da chi avanza soldi.

In genere se si tratta di Banche, Finanziarie, compagnie telefoniche o di distribuzione di gas e luce,  è sempre la convenienza economica a fare da discriminante.

Ossia, accetteranno quasi sempre, se non ci sono alternative.

Diversamente, se si tratta di un fornitore generico o di un debito tra privati non vi è alcuna possibilità di stabilire una probabilità di riuscita dell’accordo.

Lo stralcio dipenderà UNICAMENTE dalla bravura di chi lo propone e dalla volontà del creditore in quel momento preciso.

Sì, perchè il creditore privato o azienda che sia, potrebbe rifiutare un accordo economicamente conveniente pur di ottenere una sorta di vendetta.

Come si è soliti dire, per una “questione di principio”.

L’atteggiamento petrbbe essere quello di chi dice: “Piuttosto ci perdo i soldi, ma gli faccio tutto il male che posso! Vedrà i sorci verdi!”

E ancora: “A costo di perdere tutto quello che potrei recuperare, ma a quello, lo faccio Fallire!!”

Mai sentito di storie del genere?

Ecco, quindi, perché è più che mai opportuno affidarsi a chi, con questi interlocutori ci sa fare ed essendo un soggetto al di fuori delle parti potrebbe avere la possibilità di gestire al meglio la trattativa.

E con il fisco, si può fare un saldo e stralcio?

NO.

Risposta semplice e secca. NO.

Il fisco è un interlocutore particolare, per cui le trattative che si possono impostare con questo soggetto sono diciplinate da leggi ad hoc.

Una cosa sono le contestazioni per importi non dovuti, (cartelle pazze, importi erronei, pagamenti non riconosciuti, mancate o errate notifiche ecc.)

Per queste ragioni si deve fare ricorso nei tempi e con i dovuti modi.  Vedi qui come fare ===> Contenzioso con AER

Un altra cosa è chiedere al fisco uno sconto su ciò che è dovuto.

Il fisco non concede sconti, se non in caso di leggi o decreti specifici, come nel caso della rottamazione delle cartelle. Leggi qui di cosa si tratta===> AER e rottamazione cartelle

In sostanza:

  • il Saldo e stralcio è un accordo tra privati (aziende o cittadini che siano) e le regole sono stabilite dalla reciproca convenienza.
  • Gli accordi possibili tra cittadino o impresa (privati) e Fisco, li regola solo lo Stato.

Gli unici strumenti a disposizione dei cittadini e delle imprese per accordarsi e ridurre i debiti con il fisco, sono questi:

Quindi, ora che ti è piu chiaro l’argomento vorresti saperne di più su come si può ottenere un saldo e stralcio come si deve?

Allora non aspettare e clicca QUI!

arrow

 

Fai click QUI!

 

 

Commenti